Home I libri di Maurizio Pianezza Cancro: oltre la chemioterapia

Libro: Cancro oltre la chemioterapiaCANCRO: OLTRE LA CHEMIOTERAPIA

Raphael Edizioni 1998

In questo testo è stato affrontato il problema di alcune terapie non convenzionali.
In particolare la immunoterapia con lipopolisaccaridi, la terapia con sostanze inibitrici dell’angiogenesi e la multiterapia DB che è stata motivo, nel 1998, di accesi confronti.

La finalità del testo era quella di dimostrare, attraverso una scrupolosa ricerca bibliografica, che queste proposte terapeutiche si riconducevano a teorie riconosciute valide anche dalla Comunità Scientifica Internazionale.

ll testo ha cercato di mantenere una posizione neutrale, scientifica ed etica.
Ecco alcuni passaggi dell’articolata prefazione fatta da Monsignore Giovanni d’Ercole:
Senza regole non si vive bene.
Domina la vita il mistero della morte. Non c’è nulla da fare: l’uomo ha paura della morte. Per lui, essa costituisce una frontiera invalicabile, una sfida all’ultimo sangue (…)

 

L’uomo, potente e fragile
Vorrebbe essere potente e si scopre fragile; si proclama forte ed in certi momenti deve confessare la sua debolezza; tende a dominare la forze della natura e basta un niente per prostrarlo; vive talora come se dovesse durare eternamente ed in un istante tutto finisce per lui sulla faccia della terra (…).
Il dramma della morte
Alla luce di queste semplici considerazioni, appare facilmente intuibile il dramma della morte. C’è una pagina molto interessante d’uno dei documenti più noti ed attuali del Concilio Vaticano II che sintetizza il mistero della morte: “ In faccia alla morte l’enigma della condizione umana raggiunge il culmine. L’uomo non è tormentato solo dalla sofferenza e dalla decadenza progressiva del corpo, ma anche, ed anzi più ancora, dal timore di una definitiva distruzione (…).
Voglia di lottare per vivere
Se la morte costituisce questa barriera invalicabile, non viene però meno nell’umanità la voglia di lottare, di non gettare la spugna dinanzi alle sconfitte esistenziali. Un malato spera sino alla fine. E’ quando si rassegna scoraggiato che accelera la sua fine. C’è nella medicina una voglia giustamente di non mollare, animata dalla costante ricerca d’un processo tecnico coraggioso ed audace (…).
La ricerca sul cancro
E che dire della ricerca sul cancro, tarlo che rovina i sogni di gran parte dell’umanità perché sopravviene inesorabile e crudele. Nella cura e nella ricerca sul cancro ci sono risultati sorprendenti, mentre l’ingegno umano si spinge sempre un po’ più in là, quasi a forzare il limite del possibile per scovare da qualche parte l’elisir dell’immortalità e della sconfitta d’ogni malattia (…)
Cancro, etica e terapia
Questo libro si colloca in questo contesto e costituisce il primo di altri futuri contributi offerti alla ricerca scientifica, nel desiderio di servire l’uomo. L’autore racconta quanto si va facendo contro l’avanzata purtroppo inesorabile dei tumori e riferisce di risultati conquistati con successo. Fornisce dati scientifici e non pii desideri (…)
Valore etico
Non è certo mia intenzione addentrarmi in una analisi scientifica del libro, sarei presuntuoso, non avendo alcun titolo per cimentarmi in tale impresa. E’ mio desiderio unicamente incoraggiare questo filone di ricerca e, da profano, auspicare che si moltiplichino gli studi, aumentino i casi analizzati e risolti. Si congiungano soprattutto gli sforzi, superando eventuali pregiudizi e frazionamenti improduttivi (…)
Vivere e morire con dignità: da uomo
Ecco la bussola che deve orientare ogni ricerca. Servire l’uomo in questo senso, senza forzare i confini del possibile e del lecito, significa riconoscere che c’è un codice misterioso nella persona umana da decifrare e da rispettare, riflesso della provvidenza Divina. Su questa pista intendiamo camminare. Curare più che la malattia l’uomo perché, come mi ripete un caro amico medico ormai anziano, non esiste in effetti la malattia in astratto, ma un uomo concreto sofferente da conoscere e valutare nella sua complessità, da capire ed accettare nelle sue povertà e limiti funzionali, da aiutare perché viva ogni attimo come protagonista della sua storia. Anche quando soffre. Anche quando muore (…)


Queste parole hanno voluto essere un sigillo di garanzia non tanto scientifica quanto etica su quanto scritto. Il libro, per queste ragioni, ha potuto subire valutazioni di merito scientifico ma ne rimane indiscussa l’onestà intellettuale.
Il testo è stato utilizzato a livello istituzionale, per le parti inerenti, quale riferimento bibliografico nel corso della contestata sperimentazione della multiterapia DB.
Nello specifico il libro riporta tutti gli studi inerenti i recettori di proliferazione cellulare legati alla somatostatina e suoi derivati sintetici, IGFR, VEGFR, bFGFR e SSTs, i lavori inerenti gli acidi retinoici per il loro impatto a livello dei recettori nucleari e dei meccanismi epigenetici, l’azione dei lipopolisaccaridi sul macrofago orientato in senso antineoplastico ed il loro potenziale utilizzo in associazione con i chemioterapici per non minare una importante e necessaria buona funzione del sistema immunitario, l’importanza del blocco dello stress da radicali liberi nella patologia neoplastica ed ancora l’importanza di blocco dei meccanismi di stimolo angiogenetico studiati inizialmente da Folkman sugli squali, animali che hanno un incidenza di patologia neoplastica quasi nulla.

Leggi i capitoli:

 
Cellule Staminali e il Cancro, il mio comportamento: Dott. Maurizio Pianezza Piazza della Vittoria 14/14 16121 Genova +39 0105530504 P. IVA 02218520100 Iscritto all'Ordine dei Medici di Genova 22/1/1980 al nr 8883 - Sito web notificato all'Ordine dei Medici di Genova in data 15/10/2008 - English Version