Home Cancro dell'utero e dell'endometrio Cancro dell'endometrio e sarcomi uterini
PDF Stampa E-mail
[© Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro dell'endometrio e sarcomi uterini

Il mio comportamento

Percorso diagnostico nello screening

  • Visita ginecologica - ecografia pelvica - ecografia transvaginale
  • Isteroscopia
  • Citologico
  • Istologico su raschiamento della cavità uterina
  • Risonanza magnetica (RMN) addominale con mezzo di contrasto
  • Tc addominale con mezzo di contrasto
  • Tc torace con mezzo di contrasto
  • Tc cerebrale con mezzo di contrasto
  • Risonanza magnetica (RMN) cerebrale con mezzo di contrasto
  • Tc-PET per le localizzazioni a distanza

 

Terapia del cancro dell'endometrio e dei sarcomi uterini

  • chirurgica:
    • nello stadio I    resezione parziale di utero - isterectomia a cielo aperto o trans-vaginale
    • nello stadio II   isterectomia a cielo aperto con resezione dei tessuti limitrofi
    • nello stadio III  isterectomia a cielo aperto con resezione dei tessuti limitrofi e linfo-adenectomia pelvica
    • nello stadio IV  debulkin chirurgico controverso - trattamento farmacologico
  • radioterapia:
    • nello stadio I     brachiterapia
    • nello stadio II    no radioterapia esterna
    • nello stadio III  no radioterapia esterna su localizzazioni linfonodali
    • nello stadio IV  no radioterapia esterna su localizzazioni linfonodali e si radioterapia antalgica su lesioni ossee
  • chemioterapia:
    • nello stadio I     no chemioterapia nessun trattamento medico
    • nello stadio II    no chemioterapia - terapia a bersaglio molecolare
    • nello stadio III   no chemioterapia adiuvante terapia a bersaglio molecolare no chemioterapia neoadiuvante
    • nello stadio IV  chemioterapia citoriduttiva (in casi specifici) - terapia a bersaglio molecolare

 

Che cos'è il Cancro dell'endometrio


Il cancro dell'endometrio colpisce soprattutto le donne anziane con un picco dopo i 60 anni. Sempre più comune nel mondo a causa soprattutto dell’allungamento della vita media e dello stile di vita.
Sicuramente l'età è il principale fattore di rischio come dimostra il fatto che questa patologia viene diagnosticata raramente prima dei 50 anni. Anche l'obesità legata a una dieta ipercalorica troppo ricca  di grassi ed il diabete mellito possono favorire l’insorgenza del cancro dell’endometrio tant'è vero che è due volte più comune nelle donne in sovrappeso, tre volte più comune in quelle obese e fino a quattro volte più comune se associato al diabete mellito rispetto alle donne sane e con peso nella norma. Inoltre gli ormoni, in particolare gli estrogeni, svolgono un ruolo fondamentale nel determinare il rischio di tumore dell’endometrio poiché questo tessuto è molto sensibile all’azione degli ormoni sessuali che ne modificano la struttura nel corso del ciclo mestruale. Il numero dei  cicli mestruali, il menarca precoce, menopausa tardiva e l'assenza di gravidanze  aumentano la probabilità di sviluppare il cancro endometriale.

La pillola anticoncezionale rappresenta un fattore protettivo mentre la terapia ormonale sostitutiva a base di soli estrogeni può rappresentare un fattore predisponente. L’esposizione della regione pelvica a radiazioni come la radioterapia utilizzata per trattare un altro tipo di tumore può favorire l'insorgenza del cancro dell’endometrio ed anche dei sarcomi uterini.

 

Classificazione del cancro dell'endometrio


Il cancro endometriale viene suddiviso in quattro gruppi istologici:

  1. adenocarcinoma endometriale,
  2. adenocarcinoma sieroso papillare e adenocarcinoma a cellule chiare, le forme più aggressive,
  3. cancro mucinoso, spinocellulare, misto ed indifferenziato, le forme più rare,
  4. cancro endometriale eredo-familiare, di recente scoperta grazie alla evoluzione delle tecniche di riscontro genico-epigenetico.


La classificazione clinica si identifica nei seguenti stadi: stadio IA la massa tumorale è limitata all'endometrio  - stadio IB la massa  tumorale invade in piccola misura il miometrio - stadio IC la massa tumorale  invade in larga misura il miometrio - stadio IIA la massa tumorale interessa delle ghiandole endocervicali - stadio IIB la massa tumorale interessa lo stroma cervicale - stadio IIIA la massa tumorale interessa la sierosa del corpo uterino - stadio IIIB la massa tumorale interessa la vagina - stadio IIIC presenza di metastasi loco-regionali - stadio IVA la massa tumorale interessa la mucosa vescicale ed il retto -  stadio IVB presenza di metastasi a distanza.


Per una corretta diagnosi si utilizzano diversi esami clinici: visita ginecologica - ecotomografia con sonda trans-vaginale - isteroscopia - citologia - istologia da raschiamento uterino.
La terapia  si avvale della chirurgia che rappresenta il principale trattamento per il cancro dell'endometrio e consiste nell’isterectomia a cielo aperto o per via trans-vaginale negli stadi iniziali se il cancro ha invaso la cervice e i tessuti circostanti si sceglie in genere l’isterectomia radicale con asportazione dei tessuti attorno all’utero e della parte superiore della vagina adiacente alla cervice. Negli stadi più avanzati si procede a interventi più drastici con la rimozione dei linfonodi, delle tube ed in alcuni casi delle ovaie.


La radioterapia è un’altra opzione terapeutica che in alcuni casi può essere utilizzata, esistono due modalità di approccio: la radioterapia esterna trans-addominale e la radioterapia interna o brachiterapia che si basa sull’introduzione nell’utero di piccoli “semini” radioattivi.
La chemioterapia basata soprattutto sull’uso di cisplatino, carboplatino, doxorubicina e paclitaxel somministrati in diverse combinazioni per via endovenosa, viene utilizzata raramente sia per scelta che per scarsa efficacia.
La terapia ormonale, più usata della chemioterapia, prevede invece la somministrazione di ormoni non estrogenici o molecole farmacologiche a blocco ormonale.


Cosa sono i Sarcomi uterini


I sarcomi uterini sono neoplasie più rare. Sono suddivisi in due grandi categorie: i sarcomi endometriali stromali che si sviluppano dal tessuto connettivo di supporto dell’endometrio e rappresentano l’1% di tutti i tumori dell’utero ed i leiomiosarcomi uterini che si sviluppano nello strato muscolare detto miometrio e rappresentano il 2% di tutti i tumori dell’utero. Vi è infine il  carcinosarcoma uterino, forma mista, con andamento clinico aggressivo ma raro come incidenza.
Sia la diagnostica, sia la stadiazione che la terapia sono riconducibili a quella del cancro dell'endometrio

La chirurgia quindi per le stadiazioni più favorevoli rappresenta una terapia con alta percentuale di guarigione sia clinica che biologica, mentre nelle stadiazioni meno favorevoli può rappresentare un  debulkin chirurgico utile ai successivi approcci farmacologici.
Nelle stadiazioni favorevoli dopo l'intervento chirurgico viene spesso proposta la radioterapia di consolidamento. Certamente le nuove tecnologie radioterapiche e tomoterapiche hanno ridotto gli  eventi avversi spesso parzialmente reversibili, ritengo comunque che questa proposta di terapia adiuvante vada riservata a quei casi in cui la diffusione locale della malattia, vista all'esame istologico, ne giustifichi l'applicazione come ad esempio l'infiltrazione della lamina basale.
Nelle stadiazioni meno favorevoli dopo il debulkin chirurgico viene di regola proposta la chemioterapia o l'ormonoterapia associata o meno a radioterapia.


In quest'ultimo caso ritengo che una terapia con potenzialità maggiori sia rappresentata dal blocco multirecettoriale sulla scorta dello studio molecolare associato o meno a farmaci chemioterapici assunti con tecnica metronomica. Questo approccio tiene conto dei tre comparti con cui si struttura un cancro: una quota differenziata cancerosa non tumorigenica chemiosensibile, una quota di cellule TAC cancerose non tumorigeniche solo parzialmente chemiosensibili ed una piccola quota di cellule staminali cancerose tumorigeniche e chemioresistenti. Lo studio molecolare individua inoltre le recettorialità in causa nello specifico processo neo-angiogenetico potendo quindi agire anche su questa fronte. Bisogna ricordare che il tessuto canceroso è formato da due componenti quella somatica, le cellule cancerose vere e proprie, e quella neo-angiogenetica necessaria al suo sviluppo volumetrico.

 
Cellule Staminali e il Cancro, il mio comportamento: Dott. Maurizio Pianezza Piazza della Vittoria 14/14 16121 Genova +39 0105530504 P. IVA 02218520100 Iscritto all'Ordine dei Medici di Genova 22/1/1980 al nr 8883 - Sito web notificato all'Ordine dei Medici di Genova in data 15/10/2008 - English Version